We the wild

We the wild

CALMA SPAVALDA Arabeschi di luce investono l’ombra, più prodigiosi di meteore. L’alta città inconoscibile si aderge sopra i campi. Quanto a me, ben ferrato sulla vita e la morte, osservo gli ambiziosi e vorrei decifrarli. Le loro giornate sono avide come un cappio...
THE DEATH OF WINTER

THE DEATH OF WINTER

Hai un sangue, un respiro. Sei fatta di carne di capelli di sguardi anche tu. Terra e piante,  cielo di marzo, luce,  vibrano e ti somigliano –    il tuo riso e il tuo passo come acque che sussultano –  la tua ruga tra gli occhi come nubi raccolte – ...